EVENTI E NEWS

13 Giugno 2012

Venerdý 15 giugno, sarÓ presentato il Piano di Emergenza Intercomunale di Protezione Civile.

Sarà presentato venerdì mattina, alle 10, 30, nella sala conferenze dell’Unione dei Comuni, il Piano di Emergenza Intercomunale di Protezione Civile. Saranno presenti gli amministratori ed i tecnici dei comuni, le forze dell’ordine, vigili del fuoco, forestali, barraccelli e i volontari della protezione civile. Il Piano prevede una gestione coordinata delle risorse a livello sovracomunale e di supporto nella gestione delle emergenze attraverso la costituzione di  un sala operativa intercomunale . Il personale della sala operativa intercomunale sarà costituito dai referenti incaricati dai sindaci responsabili per ciascun comune,  di cui uno nominato coordinatore della sala operativa. “Nell’ambito delle gestioni associate, assume particolare rilevanza quella del Piano di Protezione Civile – Spiega il presidente dell’Unione dei Comuni Dario Fenu – Uno strumento che ora entra nella fase operativa e potrà consentire di gestire in maniera coordinata le emergenze che il territorio è chiamato ad affrontare”. Lo studio, redatto dalla Nier Ingegneria di Bologna, ha permesso di individuare i principali rischi presenti nel territorio dei sette comuni dell’Unione del Logudoro. “Anche i recenti episodi che purtroppo si sono verificati nel nostro territorio – continua Fenu -  hanno evidenziato la necessità di realizzare un sistema di rete che possa garantire interventi puntuali ed organizzati”. Il piano prevede il coinvolgimento di tutti i soggetti già operanti nella nostra zona, che saranno coordinati tramite una sala operativa . Fra i maggiori rischi individuati, quello idrogeologico (alluvioni o esondazioni di corsi d’acqua) rischio frana, entrambi di tipo prevedibili, legati al verificarsi di fenomeni meteorologici intensi, sia di breve che di lunga durata. Poi vi è il rischio connesso al trasporto di merci pericolose, legato al trasporto di carburanti quali benzina, gasolio o GPL, lungo le principali direttrici di traffico, con conseguenze potenziali di incendio esplosione e contaminazione di acque e suolo. Infine il rischio incendi, legato alla probabilità che un incendio si verifichi e causi danni alle persone ai bene antropici e paesaggistici, in particolare nel periodo di elevato pericolo, identificato  dal 1 giugno al 15 ottobre di ogni anno.
CONSULTA NELLA PARTE AVVISI DEL SITO, L'OPUSCOLO INFORMATIVO.
 

3552iNCENDIO.JPG
  • VISUALIZZAZIONE


Galleria fotografica



Manuale d'uso